Approfondimenti, nuove idee e proposte da parte degli studenti dei diversi atenei che diventano così consulenti di EXPO Padiglione Italia per i temi da loro trattati.

 
 

GAUDEAMUS IGITUR , Inno Internazionale dei Cori Universitari

I love the Lord W, Houston

 

 

Personaggi intervistati da Good News.

 
 

Antonella Coppi – Direttore

 

ACADEMIC BACKGROUND
Master's Degree in Historical and Performing Arts at the Faculty of Italian Language and Literature (University of Perugia), Master’s Degree in Music Education (Conservatorio of Parma – Upper Level) and Master’s Degree in Vocal Composition and Choir Conducting (Conservatorio of Ferrara – Upper Level).  She also graduated in Pianoforte (Conservatorio of Perugia), Educational Communication for Teachers (post graduated specialization - University of Ferrara) Teaching in Humanistic Heritage post graduated specialization - University of Ferrara) and SISS in Italian Literature (post graduated specialization Upper level - University of Parma).  To complete her training, she specializes in Techniques and methods of music education in Europe – 0-6 (International European Graduate Program) Orff international Method (Simeos Verona), General and Experimental Teaching  (specializing upper course - University of Ferrara).

PROFESSIONAL BACKGROUND
Teaching and Employment Experience
She collaborates from many years with the Faculties of Education of the University of Perugia and Modena and Reggio Emilia in the field of Practice of Music and Music Education through University Choir and Orchestra. From last Academic year She is actives in the same field in the Faculty of Education of the Free University of Bolzano.  She has been Coordinator of the Master in Music Education and Research (University of Perugia) and Scientific Coordinator research project “REMUS, Reggio Emilia, Musica Università, Scuola” (University of Modena e Reggio Emilia, 2003 – 2008). For the Ministry of Education she is coordinator of many refresher courses for teachers in Music Education in the Italian school: she is member of the most important international society of music education (ISME, IMC, etc.). from 2010 she is member of the Institutional Education Group for application of El Sistema in Reggio Emilia.  At the teaching and research activity, she approaches an important artistic work as University Choir and Orchestras Conductor, with over 200 concert around the Italy and Europe: from 2008 until today, she is Scientific Referent of National Coordination of University Choirs and Orchestras in Italy.  From 2000 she is the Italian Referent for Song of Hope International Program (Minneapolis, MN, USA). From 2004 she is Delegate from the Rector of the University of Modena and Reggio Emilia – University Choir and Orchestra (Protocollo Unimore-Uniss).

RESEARCH INTERESTS
Her research interests lie in music pedagogy and didactics with a focus on the teaching – learning process conveyed by the use of Vocal and Choir experience. The research project she is developing is related Youth Choirs in El Sistema as a framework in the field of pedagogical music teaching for multilingual youth in Bressanone. Many are participations in National and International Conferences.

PUBLICATIONS
Reviewed Publications

In over 35 publications since 2002, selected are including:

Coppi A. (2013). Music and Creativity in Italian schools, in Scientific Research Publisching (SRP) , inc. USA. ISBN: 978-1-61896-029-0

Coppi A. (2014). Music education and capability approach: from the model of El Sistema in Venezuela to current applications in learning and inclusion Italian context. In Procedia-Social and Behavioral Sciences Journal. ISSN: 1877-0428).

Coppi A. (2013). Musica ed internazionalizzazione, in Musica Domani n. 168-169, settembre –dicembre 2013, Torino: EDT, pp.30-34.ISSN 0391-4380

Coppi A. (2014). Music education and capability approach: from the model of El Sistema in Venezuela to current applications in learning and inclusion Italian context. In Procedia-Social and Behavioral Sciences Journal. ISSN: 1877-0428).

Coppi A. (2014). Youth Choirs and vocal pedagogy  as an important experience of democracy and inclusion in Italian music education. In European Perspectives in Music Education, Helblingm academics.

Coppi A. (2014) Vocal And Choral Pedagogy In Italian School System – in 8th International Technology, Education and Development Conference Valencia, Spain. 10-11 March, 2014.
ISBN: 978-84-616-2661-8 / ISSN: 2340-1079 Publisher: IATED.

Coppi A. (2014). The Italian Universities Choirs And Orchestras: Actuality And Educational Perspectives, in 8th International Technology, Education and Development Conference Valencia, Spain. 10-11 March, 2014.
ISBN: 978-84-616-2661-8 / ISSN: 2340-1079 Publisher: IATED.

Coppi A. (2010). I cori e le orchestre universitarie italiane: dove, come, quando? Breve excursus informativo sulla realtà presente in Italia oggi. In I cori e le orchestre Universitarie Italiane. Padova Cleup. pp. 171-251 -  ISBN 978 88 6129 539 1

Coppi A. (2014). Prefazione. In Coppi C.B. (2014) Musica e didattica Mentalista Applicata. Ilmiolibro.it, in press.

Coppi, A. (2004) Remus “Reggio Emilia Musica Università, Scuola” Studi e ricerche sulla formazione musicale. Perugia: Morlacchi Editore

Coppi A. (2007). Un progetto formativo extracurricolare in Musica, Ricerca sul Curricolo e innovazione didattica Tecnodid, pp. 60-71.

Coppi A.(2009). La Creatività, in La Regione in musica –  Diffusione della pratica musicale in Emilia Romagna. Tecnodid, pp.67-70

Coppi A. (2010) I Cori e le Orchestre Universitarie Italiane, Attualità e prospettive. CLEUP.

Coppi A. (2014) Voce e Vocalità nell’Educazione Musicale, in Comploi F.. Coppi A.,  Manuale di didattica della Musica, Bologna: EdiSES Srl.

SELECTED CONFERENCE AND PROFESSIONAL DEVELOPMENT PRESENTATIONS
Many are participations in National and International Conferences. The selected, are:

CCE2013 – 20-24th May, 2013 – University of Beijing;

Musik hilft und heilt 8-9th  Novembre, 2013 – Free University of Bolzano

SIPED, State University of Venezia 2013;

PROFESSIONAL MEMBERSHIPS

  • ISME (International Society of Music Education);
  • EAS (European Association for Music in School)
  • SIEM (Società italiana educazione musicale)
  • IMC (International Music Council)
  • Member of Tavolo Tecnico della Musica – Città di Reggio Emilia, nell’ambito del National Committee Choir and Youth Orchestras for El Sistema
  • Member of National Committee for Department of Education – Ministry
  • Italian Referent for Sounds of Hope Foundation, Saint Paul/Minneapolis, USA. – International Program “Songs of hope”.
  • Rector's Delegate For University Choir And Orchestra;
  • National Scientific Referent for National Coordination for University Choirs and Orchestras.

PERFORMANCE EXPERIENCE
In  1990 start her performance experience.  Solo pianist and in various Chamber formations, singer and Choral Conductor is present in over than 200 concerts around the Italy and Europe.

LANGUAGES
Italian (mother tongue), Fluent English, (International Language School of English  -  Brighton, Malta), Basic German and Spanish.

 

Fondazione “EUCORUNIV - Onlus"
per il mantenimento, la salvaguardia e lo sviluppo
dei Cori e delle Orchestre Universitarie
italiane ed europee.

Fondazione Universitaria di diritto privato ai sensi dell’art. 59, comma 3, Legge 23 dicembre 2000, n. 388

Statuto

OGGETTO E SCOPO

Costituzione e personalità giuridica

  • E’ costituita, ai sensi dell'articolo 59, comma 3, della Legge 23 dicembre 2000, n. 388, e del regolamento approvato con decreto del Presidente della Repubblica 24 maggio 2001, n. 254, la Fondazione EUCORUNIV - Onlus, con sede a Bressanone, Facoltà di Scienze della Formazione, via Ratisbona, 16.
  • Ai sensi e per gli effetti di quanto previsto dal regolamento approvato con decreto del Presidente della Repubblica 24 maggio 2001 n. 254, ed in particolare dall’articolo 1 e dall’articolo 6, la Fondazione è costituita dalla Libera Università di Bolzano, e dalla Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, quali “Enti di riferimento” e dal Prof. Konrad Bergmeister.
  • Il presente Statuto è preventivamente deliberato dalle Università proponenti. Eventuali modifiche sono parimenti deliberate dalle Università proponenti;
  • In tutti i casi in cui sono previste deliberazioni ed approvazioni da parte dell'Ente di riferimento, le stesse si intendono adottate, salvo quanto diversamente disposto nel presente Statuto, dai competenti organi degli Enti di riferimento.
  • La Fondazione è una persona giuridica privata, è dotata di piena autonomia statutaria e gestionale.
  • La fondazione ha sede legale nel comune di Bressanone ed ha durata illimitata.

Finalità

La fondazione non ha scopo di lucro ed opera nell’esclusivo interesse degli Enti di riferimento, destinando tutte le sue risorse al raggiungimento dello scopo della Fondazione.
I cori e le orchestre Universitarie rappresentano un valore culturale importante e profondo, diffuso e presente nella quasi totalità delle realtà accademiche nazionali ed internazionali. Attraverso la pratica della musica cantata e suonata nelle Università è possibile creare un’importante occasione di aggregazione giovanile e di tutta la comunità universitaria. La significativa partecipazione degli studenti stimola l’esigenza di non disperdere questo importante patrimonio, creando nuove occasioni di contatto, nonché momenti di condivisione e scambio nell’ambito del sistema universitario nazionale ed internazionale. Nel 2008 l’Università di Modena e Reggio Emilia e l’Università di Sassari hanno sottoscritto il primo Protocollo d’intesa per il mantenimento la salvaguardia e lo sviluppo dei Cori e delle Orchestre Universitarie Italiane che, tra i principali scopi, ha dato avvio al Coordinamento Nazionale Cori ed Orchestre Universitarie Italiane a cui hanno aderito oltre 35 Atenei.

In tale quadro ed in sinergia con gli scopi espressi dal Protocollo e dal Coordinamento nazionale già citati la Fondazione si propone dunque:

  • di operare al fine di promuovere lo svolgimento di attività strumentali e di supporto alla didattica e alla ricerca nell’ambito della musica nelle Università;
  • di operare al fine di mantenere e sviluppare la musica corale ed orchestrale nelle Università Italiane, anche mediante la promozione e la nascita di nuovi nuclei universitari riconosciuti;
  • di promuovere e dare valore alle compagini musicali universitarie presenti sul territorio nazionale con lo scopo di non disperdere l’importante patrimonio che esse costituiscono nell’ambito della formazione universitaria intra ed extracurricolare;
  • di costituire un raccordo istituzionale che favorisca l’organizzazione, l’attuazione e la legittimazione dei Cori e delle Orchestre Universitarie;
  • di promuovere riflessioni ed azioni concrete in ordine ai contenuti ed alle metodologie indispensabili per una formazione musicale e culturale dei giovani universitari maggiormente completa, in un concetto allargato di diritto allo studio;
  • di promuovere la ricerca in ordine alla formazione musicale giovanile quale fonte di arricchimento culturale, linguistico ed espressivo;
  • di costituire un riferimento nazionale ed internazionale per l’istituzione di una rete  - network -  che faciliti lo scambio di informazioni creando opportunità musicali interculturali tra i membri dei cori delle Università d'Europa;
  • di agevolare la comunicazione internazionale didattico musicale e performativa, estendendo l'idea di cittadinanza europea attraverso la pratica della musica anche da adulti;
  • di ampliare la fruizione ed il valore della musica universitaria per incoraggiare gli studenti a trovare occasioni di fare musica insieme a studenti provenienti da altri paesi europei, costituendo un’occasione di  scambio di cultura e idee ed imparando gli uni dagli altri;
  • di raccogliere e curare partiture musicali e documenti originali anche volti alla creazione di un centro di documentazione on line della musica universitaria;
  • di costituire un raccordo per la costituzione di un tavolo tecnico delle istituzioni a livello locale, nazionale ed internazionale che nella condivisione di idee e proposte possa incentivare l’espressione musicale giovanile universitaria quale fonte di cultura e di benessere nella comunità universitaria;
  • di sviluppare la ricerca in ambito formativo musicale degli adulti, costruendo un primo protocollo condiviso di standard minimo di partecipazione, apprendimento e performance;
  • di incentivare occasioni di approfondimento ed aggiornamento didattico musicale e nell’ ambito della direzione corale ed orchestrale in contesti informali e non formali;
  • di incentivare studi e ricerche sulle dinamiche di gruppo in situazioni di Long Life Learning in ordine alla musica, con obiettivi di restituzione e disseminazione nell`ambito della comunità scientifica accademica;
  • di promuovere studi e ricerche scientifiche nazionali ed internazionali nel campo della formazione musicale giovanile ed universitaria in collaborazione sinergica con gli “Atenei partecipanti”;
  • di attuare e favorire occasioni di promozione della ricerca e dell’ alta formazione con specifico riferimento alle tematiche della formazione musicale formale, informale e non formale, aggiornamento musicale e didattico, musica e scienze dell’educazione, musica e scienze sociali mediante la realizzazione di master, corsi di perfezionamento, tirocini formativi e di orientamento, percorsi di alta formazione in apprendistato in collaborazione sinergica con gli Atenei e con gli altri soggetti “partecipanti” e con le Istituzioni nazionali ed Internazionali;
  • di attuare e favorire attività strumentali e di supporto della didattica e della ricerca con specifico riguardo al sostegno alle attività didattiche, formative e di ricerca, nonché attività integrative e sussidiarie alla didattica e alla ricerca promossi dai soggetti “partecipanti”.

Operatività

  • Per il raggiungimento delle finalità statutarie e per la realizzazione dei propri fini istituzionali, la Fondazione può promuovere la raccolta di fondi e la richiesta di contributi, privati e pubblici, da destinare agli scopi della Fondazione stessa, nonché instaurare rapporti di collaborazione, stipulare contratti, convenzioni, accordi o intese con soggetti pubblici o privati e compiere tutte le iniziative e le operazioni ritenute necessarie, compresa l’acquisizione di beni e servizi alle migliori condizioni di mercato.
  • La Fondazione agevola la partecipazione alla propria attività di enti ed amministrazioni pubbliche e di soggetti privati, sviluppando e incrementando la necessaria rete di relazioni nazionali e internazionali funzionali al raggiungimento dei propri scopi.
  • organizza incontri, dibattiti, seminari, convegni, viaggi di studio, corsi di formazione, gemellaggi, forme di cooperazione e di volontariato attivo.
  • organizza qualsiasi altra iniziativa, anche di carattere economico, ritenuta utile o necessaria per gli scopi istituzionali della Fondazione.

Per il conseguimento delle proprie finalità la Fondazione può avvalersi, oltre che della attività e dei servizi resi dai partecipanti e dai partecipanti istituzionali ai sensi degli articoli 6 e 7, anche dell’apporto di collaboratori a progetto, dipendenti delle Pubbliche Amministrazioni in regime di convenzione e/o con contratti di collaborazione, previa autorizzazione dell'Amministrazione di provenienza se previsti dai CCNL, consulenti di chiara fama a cui spetta la qualifica di senior, advisor, ecc. e ricercatori selezionati secondo le normative vigenti.

Patrimonio e fondo gestione

Il patrimonio della Fondazione è costituito:

  • dalla dotazione iniziale di beni e danaro conferiti dai fondatori all’atto della costituzione;
  • dai beni mobili ed immobili che pervengono alla Fondazione a qualsiasi titolo, nonché da contributi, donazioni e lasciti di persone fisiche e giuridiche pubbliche e private, la cui accettazione sia deliberata, previo gradimento delle Università di riferimento e Consiglio di Amministrazione della Fondazione e che il Consiglio stesso decida di imputare a patrimonio;
  • dai proventi delle attività proprie che il Consiglio di Amministrazione deliberi di destinare ad incremento del patrimonio;
  • dai conferimenti di beni dei soggetti Partecipanti di cui al successivi art. 6 e 7 del presente Statuto;
  • dai fondi di riserva costituiti con eventuali avanzi di gestione.

Per l’adempimento dei propri compiti la Fondazione dispone di un fondo di gestione costituito:

  • dai contributi erogati dallo Stato, da altri enti e/o amministrazioni pubbliche, nonché dall’Unione Europea, o da altri enti e/o organismi internazionali;
  • da ogni eventuale provento, contributo, donazione o lascito destinato all’attuazione degli scopi statuali e non espressamente destinato all’incremento del patrimonio;
  • dai redditi provenienti dalla gestione del patrimonio;
  • dai proventi della propria attività, anche in regime di convenzione;
  • da fondi raccolti con pubbliche sottoscrizioni o sovvenzioni di singoli, Enti e Istituzioni pubbliche e private, vincolate a specifiche attività della Fondazione.

Gli eventuali utili o gli avanzi di gestione non destinati ad incremento del patrimonio verranno impiegati esclusivamente per la realizzazione delle finalità ed attività di cui agli artt. 2 e 3.
È vietata la distribuzione, anche in modo indiretto, di eventuali utili o avanzi di gestione, nonché fondi, riserve e/o capitale durante la vita della fondazione, salvo che la destinazione o la distribuzione non siano imposte dalla legge.

Fondatori

Sono “Fondatori” la Libera Università di Bolzano e l’Università di Modena e Reggio Emilia che operano in qualità di “Enti di riferimento” ed essendo i soggetti che partecipano all’atto costitutivo della Fondazione. Ad esse si aggiunge il Presidente Konrad Bergmeister della LUB.

La Fondazione, si prefigge, prima della costituzione, di assumere il patrocinio della CRUI (Conferenza Rettori delle Università Italiane) dell’IMC (International Music Council), dell’ISME (International Society of Music Education), di Federculture (Federazione delle Aziende e degli Enti di gestione di cultura, turismo, sport e tempo libero) e del MIUR (Ministero dell’Istruzione, Universita’ e Ricerca).

Partecipanti Istituzionali

  • Assumono la qualifica di “Partecipanti Istituzionali” alla Fondazione: enti ed amministrazioni pubbliche, persone fisiche e giuridiche, pubbliche o private, che, condividendo le finalità della Fondazione, contribuiscono alla realizzazione dei suoi scopi mediante contributi in denaro, in attività o in beni o servizi materiali o immateriali od in altre forme ritenute idonee dall'Ente di Riferimento, su base annuale o pluriennale, in misura non inferiore a quella all’uopo stabilita dal Consiglio di Amministrazione della Fondazione.
  • La qualifica di Partecipante Istituzionale è attribuita dal Consiglio di Amministrazione della Fondazione, previo gradimento dell’Ente di Riferimento.
  • La qualifica di Partecipante Istituzionale dura per tutto il periodo per il quale perdura il contributo offerto.

I Partecipanti Istituzionali sono ammessi con delibera inappellabile del Consiglio di Amministrazione adottata con il voto favorevole dei due terzi dei membri.

Partecipanti

  • Assumono la qualifica di “Partecipanti” le persone fisiche e giuridiche private e gli enti ed amministrazioni pubbliche che contribuiscono in via non continuativa agli scopi della Fondazione con mezzi e risorse in misura non inferiore a quella all’uopo stabilita dal Consiglio di Amministrazione della Fondazione, ovvero con prestazioni ed attività, anche professionali, di particolare rilievo o con l’attribuzione di beni o servizi materiali o immateriali, ritenuti congrui dallo stesso Consiglio di Amministrazione.
  • Il Consiglio di Amministrazione della Fondazione può regolamentare l’eventuale suddivisione dei Partecipanti in base alla contribuzione ed allo scopo, nonché i criteri per determinare la durata della qualifica.
  • Il Consiglio di Amministrazione della Fondazione può attribuire la qualifica di partecipante onorario a persone fisiche e giuridiche pubbliche e private che abbiano contribuito in maniera rilevante e significativa con mezzi e risorse allo sviluppo della Fondazione..

I Partecipanti sono ammessi con delibera inappellabile del Consiglio di Amministrazione adottata con il voto favorevole dei due terzi dei membri.

Esclusione e recesso

  • Il Consiglio di Amministrazione decide con deliberazione assunta con il voto favorevole dei due terzi dei suoi membri l’esclusione di Partecipanti Istituzionali o di Partecipanti per grave e reiterato inadempimento dell’obbligo di effettuare le contribuzioni e i conferimenti secondo le modalità indicate negli artt. 6 e 7 del presente Statuto.
  • Nel caso di enti e/o persone giuridiche, l’esclusione ha luogo anche per i seguenti motivi:
  • estinzione, a qualsiasi titolo dovuta;
  • apertura di procedure di liquidazione;
  • fallimento e/o apertura della procedura concorsuali anche stragiudiziali.
  • I partecipanti Istituzionali ed i Partecipanti possono, in ogni momento, recedere dalla Fondazione, fermo restando il dovere di adempimento delle obbligazioni assunte. I Fondatori non possono in alcun caso essere esclusi dalla Fondazione.

In tutti i casi di esclusione del Partecipante Istituzionale deve essere previamente acquisito il parere degli Enti di riferimento.

Organi

Sono organi della Fondazione:

  • il Presidente;
  • il Consiglio di Amministrazione;
  • il Collegio dei Revisori dei Conti;
  • il Collegio dei partecipanti.

La durata di tutti gli organi della Fondazione è di cinque anni. Al fine di assicurare la continuità dell’attività della Fondazione gli organi suindicati continuano a svolgere le rispettive funzioni fino alla nomina dei nuovi componenti.

Nella composizione di tutti i suoi organi, la Fondazione si ispira al principio della presenza egualitaria di donne e uomini.
Le cariche statutarie sono a titolo gratuito, salvo eventuali rimborsi delle spese documentate sostenute per ragioni d'ufficio secondo criteri stabiliti dal Consiglio di Amministrazione e preventivamente autorizzate.

Presidente

  • Il Presidente è nominato in modo alternato dai Consigli di Amministrazione/dell’Università degli Enti di riferimento tra il proprio rappresentante nel Consiglio d’Amministrazione della Fondazione. Per i primi cinque anni il Presidente della Fondazione viene nominato dal Consiglio dell’Università della Libera Università di Bolzano.
  • Il Presidente ha la legale rappresentanza della Fondazione nei confronti di terzi e in giudizio, nominando avvocati.

Il presidente inoltre:

  • convoca e presiede il Consiglio di Amministrazione;
  • cura l’esecuzione delle deliberazioni del Consiglio di Amministrazione;
  • esercita i poteri delegatigli dallo stesso Consiglio;
  • firma gli atti della Fondazione;
  • sorveglia il buon andamento amministrativo della Fondazione;
  • cura l’osservanza dello Statuto e ne promuove la riforma qualora si rendesse necessario;
  • esercita tutte le altre funzioni previste dal presente Statuto.

Il Presidente, inoltre, cura le relazioni con enti, istituzioni, imprese pubbliche e private e altri organismi, anche al fine di instaurare rapporti di collaborazione e sostegno delle singole iniziative della Fondazione.

Il Presidente può nominare tra i membri del Consiglio di Amministrazione un Vicepresidente, chiamato a sostituirlo in caso di impedimento o assenza.

Il Presidente può delegare l’adozione di atti giuridici al Vicepresidente della Fondazione, ad altri membri del Consiglio di Amministrazione o al Direttore.

  • In caso di urgenza può adottare i provvedimenti di competenza del Consiglio di Amministrazione, salva la ratifica da parte di questo nella prima riunione, che deve essere convocata dal Presidente entro 30 giorni dalla data dell'avvenuta adozione dei provvedimenti di cui sopra.

Il Consiglio di Amministrazione

  • La Fondazione è amministrata da un Consiglio di Amministrazione composto da almeno cinque membri, di cui:
  • tre membri nominati dal Consiglio di Amministrazione dell’Università di Modena e Reggio Emilia;
  • tre membri nominati dal Consiglio dell’Università della Libera Università di Bolzano;
  • un membro designato dal Ministero dell’università e della ricerca scientifica e tecnologica;
  • Il Consiglio di Amministrazione può inoltre nominare fino a due membri tra quelli designati dal Collegio dei partecipanti.
  • I membri del Consiglio di Amministrazione nominati secondo le modalità di cui al punto 1, 2 e 3 del comma precedente restano in carica per cinque anni e possono essere rinominati. I membri nominati secondo le modalità di cui al punto 4 della lettera a) restano in carica per cinque anni dalla loro nomina salvo la perdita della qualità di partecipante.
  • Il primo Consiglio di Amministrazione viene nominato nell’atto costitutivo.
  • Il membro del Consiglio di Amministrazione che, senza giustificato motivo, non partecipa a tre riunioni consecutive, può essere dichiarato decaduto dal Consiglio stesso. In tal caso, come in ogni altra ipotesi di vacanza della carica di Consigliere, si provvede alla nomina dei componenti mancanti.
  • Nel caso in cui venga meno oltre la metà dei componenti il Consiglio di Amministrazione si intende decaduto e si procede immediatamente alla nomina di un nuovo Consiglio. Il Presidente della Fondazione svolge le operazioni di ordinaria amministrazione sino alla nomina del nuovo Consiglio. In ogni caso la ricostituzione del nuovo Consiglio deve avvenire entro 45 giorni dalla data di decadenza.

Consiglio di Amministrazione - compiti e funzionamento

Il Consiglio di Amministrazione (C.d.A.) ha la competenza generale per il funzionamento e l'amministrazione della Fondazione, con ogni potere di gestione ordinaria e straordinaria. A questo titolo il C.d.A. ha il potere di compiere tutti gli atti che ritiene utili ed opportuni per il perseguimento delle finalità e dei compiti della Fondazione, nonché gli atti che sono necessari per l'amministrazione dei beni, l'organizzazione e il funzionamento dei servizi, i rapporti con il personale. In particolare il C.d.A.:

  • elabora il piano pluriennale delle attività della Fondazione ed il piano di attività annuale sulla base delle linee guida definite dagli enti di riferimento e li approva;
  • elabora il bilancio preventivo e consuntivo della Fondazione, visto il parere degli organi di controllo, e lo approva;
  • delibera sull’impiego del patrimonio e sulla destinazione degli utili e degli avanzi di gestione;
  • delibera in ordine all’accettazione di eredità, legati e donazioni;
  • delibera, con maggioranza dei due terzi dei componenti del Consiglio di Amministrazione della Fondazione le modifiche allo Statuto su proposta del Consiglio delle Università di riferimento;
  • delibera sull'estinzione della Fondazione;
  • delibera sugli incarichi professionali o sull'eventuale assunzione/licenziamento di dipendenti, determinando i relativi compiti e compensi;
  • può nominare un direttore;
  • stabilisce i criteri ed i requisiti per assumere la qualifica di Partecipante istituzionale e partecipante e procede alla relativa nomina;
  • nomina in caso di necessità fino a 10 esperti scientifici ed assegna loro specifici compiti;
  • può delegare a uno o più Consiglieri specifici compiti e responsabilità;
  • discute e approva le eventuali collaborazioni o convenzioni con organismi scientifici, associazioni, persone fisiche o giuridiche, pubbliche o private;
  • approva, su proposta del Presidente i regolamenti per l'assegnazione di premi e borse di studio;
  • tiene informati regolarmente i Partecipanti della Fondazione sulle attività della Fondazione;
  • delibera lo svolgimento di specifiche iniziative anche su proposta dell’Ente di riferimento;
  • ha facoltà di delegare parte dei propri poteri al Presidente, con l’eccezione di quelli indicati ai punti da a) a i), m), r) q) del presente articolo, che rimangono di esclusiva competenza del Consiglio;
  • amministra il patrimonio della Fondazione, determinando inoltre la parte delle entrate e dei redditi da destinare all’incremento del patrimonio stesso;
  • dispone in ordine alla destinazione degli avanzi di gestione agli scopi istituzionali;
  • elabora e approva eventuali regolamenti interni;
  • nomina su segnalazione di uno dei suoi membri e anche su proposta del Presidente, eventuali incarichi onorari, tra cui anche quello della Presidenza Onoraria;
  • svolge ogni ulteriore compito ad esso attribuito dal presente Statuto;

Per consentire agli Enti di riferimento la verifica delle attività, la Fondazione sottopone annualmente un rapporto sullo stato di attuazione delle stesse.

Rimane in carica cinque anni: il C.d.A. viene rinnovato prima della scadenza del mandato del Presidente.

Riunioni del C.d.A

Il C.d.A. si riunisce almeno due volte l'anno, e comunque tutte le volte che il/la Presidente lo ritenga opportuno o ne sia fatta richiesta scritta da almeno un terzo dei Consiglieri. Se non diversamente stabilito, le deliberazioni sono prese a maggioranza dei presenti.  In caso di parità prevale il voto del Presidente.

Le riunioni del Consiglio di Amministrazione si possono svolgere anche per audioconferenza o videoconferenza. Tali riunioni possono svolgersi anche in più luoghi, audio e/o video collegati, e ciò alle seguenti condizioni, delle quali deve essere dato atto nei relativi verbali:

  • che siano presenti nello stesso luogo il Presidente ed il Direttore, con funzione di segretario della riunione che provvederanno alla redazione e sottoscrizione del verbale;
  • che sia consentito al Presidente di accertare l'identità e la legittimazione degli intervenuti, regolare lo svolgimento dell'adunanza, constatare e proclamare i risultati della votazione;
  • che sia consentito al soggetto verbalizzante di percepire adeguatamente gli eventi oggetto di verbalizzazione;
  • che sia consentito agli intervenuti di partecipare alla discussione e alla votazione simultanea sugli argomenti all'ordine del giorno, nonché di visionare, ricevere o trasmettere documenti.

L’avviso di convocazione del Consigli di Amministrazione, con relativo ordine del giorno, deve essere spedito, con qualsiasi mezzo tecnico purché la ricezione sia documentabile, almeno 7 giorni prima della data fissata;
Le deliberazioni del Consiglio sono trascritte in apposito libro ed ogni verbale verrà sottoscritto dal Presidente e Segretario.
Ai componenti del Consiglio di Amministrazione non spetta rimborso delle spese documentate, se non deliberate di volta in volta o salvo diverse deliberazioni.

Direttore

Il Direttore, secondo le direttive e gli indirizzi impartiti dal Consiglio di Amministrazione e dal Presidente della Fondazione, cura:

  • l’attuazione delle deliberazioni del Consiglio di Amministrazione;
  • la preparazione e la gestione dei programmi di attività della Fondazione, nonché il successivo controllo dei risultati;
  • la predisposizione degli schemi del bilancio preventivo e consuntivo da sottoporre al Consiglio di Amministrazione per l’approvazione;
  • la direzione, la vigilanza e il coordinamento degli uffici della Fondazione e del personale addetto.

Il Direttore partecipa senza diritto di voto alle riunione del Consiglio di Amministrazione e ne svolge le funzioni di segretario.
La posizione di Direttore è ricoperta a titolo gratuito, salvo eventuali rimborsi delle spese documentate sostenute per ragioni d'ufficio secondo criteri stabiliti dal Consiglio di Amministrazione e preventivamente autorizzate.
Qualora non sia stato nominato un direttore, questi compiti spettano al Presidente o un suo delegato.

Il Collegio dei Revisori dei conti

  • Il Collegio dei Revisori dei Conti è l’organo di controllo interno della Fondazione. Il Collegio vigila sull’osservanza delle disposizioni di legge, del presente Statuto e dell’eventuale regolamento di Amministrazione e Contabilità; verifica la regolare tenuta della contabilità, le risultanze del bilancio d’esercizio ed accerta, almeno ogni trimestre, la consistenza di cassa. Esercita altresì tutti i compiti previsti dall’art. 20 e ss. del d.lgs. 30.6.2011, n. 123, nonché il controllo contabile di cui all’art. 2409 bis del codice civile in quanto compatibile. Esso assiste facoltativamente alle sedute del Consiglio di Amministrazione senza diritto di voto.
  • Il Collegio dei Revisori dei Conti è composto da tre membri effettivi compreso il Presidente e da due supplenti, scelti fra i soggetti in possesso del requisito dell’iscrizione nel registro dei revisori contabili.
  • Il Presidente è designato, in accordo, dagli Enti di riferimento tra soggetti in possesso del requisito dell’iscrizione nel Registro dei Revisori Contabili, nell’ambito delle categorie e con le stesse modalità previste per la nomina del Presidente dell’Organo di Revisione degli Enti medesimi;
  • Almeno uno dei componenti effettivi ed uno dei componenti supplenti sono designati dagli Enti di riferimento e sono scelti tra i dipendenti del Ministero dell’Economia e delle Finanze e del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca in possesso del requisito dell’iscrizione nel Registro dei Revisori Contabili.
  • Tutti i componenti del Collegio dei Revisori dei Conti devono aver svolto per almeno cinque anni funzioni di revisione contabile presso Istituzioni Universitarie.
  • L’ incarico di membro o Presidente del Collegio dei Revisori di Conti si intende a titolo gratuito, salvo diversa disposizione come da eventuale deliberazione del C.d.A. della fondazione. Ai membri del Collegio dei Revisori dei Conti spetta, se concordato preventivamente, il rimborso delle spese documentate.
  • Delle riunioni del Collegio dei Revisori dei Conti deve redigersi processo verbale che viene trascritto, al pari degli accertamenti, delle proposte e dei rilievi del Collegio e dei singoli revisori, in apposito libro. Il libro è tenuto a cura della Fondazione, nella sede della Fondazione.

Il Collegio dei Revisori dei conti rimane in carica per tre anni e può essere confermato.
Il primo Collegio dei Revisori dei Conti viene nominato nell’atto costitutivo, su proposta del Consiglio dell’Università della Libera Università di Bolzano.

Collegio dei partecipanti

II Collegio dei Partecipanti è composto da tutti i Partecipanti Istituzionali e Partecipanti semplici alla Fondazione, oltre ai fondatori. Al Collegio dei Partecipanti spetta la designazione di una rosa fino a otto nominativi, - cinque dei quali scelti tra i partecipanti istituzionali e tre scelti tra i partecipanti semplici, tra i quali il Consiglio di Amministrazione, ai sensi dell’articolo 11 del presente Statuto, potrà nominare fino a due componenti del Consiglio stesso. Il Collegio dei Partecipanti formula pareri consultivi e proposte sulle attività e sui programmi della Fondazione già delineati ovvero da individuarsi nonché in ordine ai contributi al fondo di gestione posti eventualmente a carico dei singoli Partecipanti.

Il Collegio dei Partecipanti è presieduto dal Presidente della Fondazione ed è dallo stesso convocato, almeno una volta all'anno, in periodo non recante pregiudizio all'attività della Fondazione stessa.

Rapporti tra fondazione e gli enti di riferimento

Gli enti di riferimento definiscono le linee guida dell’attività della Fondazione.
Il piano pluriennale delle attività della Fondazione ed il piano di attività annuale devono essere conformi alle linee guida, ed approvati dagli enti di riferimento su proposta del Consiglio di Amministrazione della Fondazione.
I rapporti tra gli enti di riferimenti e la Fondazione, per le prestazioni di collaborazione, consulenza, assistenza, servizio, supporto e promozione delle attività sono disciplinati da apposita convenzione.

Esercizio finanziario e durata

La Fondazione si obbliga a redigere il bilancio annuale. L'esercizio finanziario della Fondazione ha inizio il 1 gennaio e termina il 31 dicembre di ciascun anno.

Alla fine di ogni esercizio e comunque entro quattro mesi dalla chiusura dell’esercizio il Consiglio di Amministrazione approverà il bilancio consuntivo ed entro il mese di dicembre di ogni anno quello preventivo del successivo esercizio. Nella redazione del bilancio, costituito dallo stato patrimoniale, dal conto economico e dalla nota integrativa, dovranno essere seguiti i principi previsti dal codice civile. Entro trenta giorni dall’approvazione, una copia del bilancio deve essere trasmessa agli enti di riferimento.

Regolamenti

Al fine di disciplinare al meglio l’organizzazione, definire le strutture operative e dotarsi di tutte le disposizioni necessarie all’esecuzione del presente Statuto, la Fondazione può adottare uno o più regolamenti interni approvati dal Consiglio di Amministrazione, che tengano conto della salvaguardia delle finalità istituzionali originarie.

Scioglimento e liquidazione

Le Fondazioni sono sciolte e poste in liquidazione nei casi previsti dal codice civile per le Fondazioni riconosciute. Per l’esecuzione delle liquidazioni gli Enti di riferimento nominano uno o più liquidatori. I beni che residuano dopo l’esecuzione delle liquidazioni sono devoluti a sostegno delle attività degli Enti di riferimento, salvo diverse deliberazioni degli stessi in favore di enti ed istituzioni ONLUS.

Disposizione Finale

Per quanto non espressamente previsto dal presente Statuto e dall’atto costitutivo valgono le disposizioni di legge in materia.

 
   
 
 
 
 
   
 
 
 

 

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok