Il Ministero Affari Esteri -  Cooperazione allo Sviluppo

MOI, PI, BAI..CAMBODIA! UNO, DUE ,TRE …CAMBOGIA ! 2013:  un estratto del documentario.

Questo SPECIALE GOODNEWS in collaborazione  tra il WEB MAGAZINE di EXPO Padiglione Italia e la Direzione Generale della Cooperazione allo Sviluppo del Ministero degli Affari Esteri  ci porta in Cambogia dove insieme con IOM (International Organization for Migration) DGCSMAE porta vanti un progetto di la lotta contro il traffico di esseri umani, il lavoro minorile e gli abusi sessuali.

Il titolo è nato ascoltando alcuni bimbi che imparavano a contare nella scuola del CIAI.

 

MOI, PI, BAI..CAMBODIA! ONE, TWO, THREE…CAMBODIA! 2013 : an excerpt from the documentary.

This SPECIALE GOODNEWS  in collaboration between the EXPO 2015 Italy Pavillon WEB MAGAZINE and the Development Cooperation Directorate General of the Ministry of Foreign Affairs  brings us in Cambodia where together with con IOM (International Organization for Migration) DGCSMAE is working on a project against trafficking and forms of child labour and child sex abuses.

The title comes from some children learning to count in the Ciai School.

 


 

MOI,PI, BAI…CAMBODIA 
sinossi

Un film documentario realizzato per DGCS MAE
Produzione A.C. Dinamola 2013
Regia di Stefano Scialotti

CAMBOGIA 11 febbraio – 6 marzo 2013

 Obbiettivo 
Realizzare un prodotto video ( docu-film) sulla tematica del Traffico di Minori e Abusi sessuali in Cambogia - nell'ambito della componente di comunicazione del programma "Integrated Border Assistance for Sexually Abused Migrant Minors in Cambodia", finanziato dalla DGCS e implementato da IOM (International Organization for Migration).

L'idea di regia 
Data la difficoltà oggettiva di trovare forme di comunicazione che possano creare maggiore consapevolezza su questi temi senza cadere in forme di denuncia scandalistica o appunto di cannibalizzazione mediale, si è pensato di coinvolgere positivamente i bambini che si esprimono in modi artistici e giocosi canto, danza, disegni,  in forme di comunicazione veloce ( spot, promo) e poi centrare i problemi con gli adulti che abbiano conoscenza approfondita e condivisibile del settore ( IOM, NGOs, ecc.) . 
L'idea del film è dunque il tentativo di realizzare con i ragazzi e bambini cambogiani coinvolti attraverso IOM e le varie associazioni, degli spot che mostrino le cose positive e le attività educative e artistiche che loro fanno con queste organizzazioni. 

Il sottotesto implicito ma evidente nel film è : il contesto socio economico a volte è difficile però un corretto sistema educativo, le attività artistiche e di gioco, l'assistenza sociale possono cambiare e cambiano la situazione. 
La Story line è a questo punto chiara: il film risulta come un grande back stage dei tentativi fatti con i ragazzi di creare degli spot attraverso, il canto, le danze e anche dei semplici giochi. 
Il titolo: MUI, PII BAI…CAMBODIA . Nato ascoltando alcuni bimbi che imparavano i numeri nella scuola del CIAI.

 

Durata del film  52 min
Realizzazione fine maggio 2013

 

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok